Vacanze low cost in Toscana, prenota l'estate del 2018 con offerte last minute

Il Veglione in Toscana

Dicembre in Toscana, per l'ultimo dell'anno vale la pena stare in questa splendida regione anche per la cucina tipica Toscana.



Alcuni piatti toscani da non perdere per il Veglione in Toscana:

Carpaccio di Salmone

per 4 persone
800 g di filetto di salmone fresco, già pulito,
1 cucchiaino di sale grosso,
Olio extra vergine d'oliva,
Il succo di 1 limone,
1 limone per la decorazione, Timo fresco 1 cucchiaino,
Pepe verde in grani cucchiaino.

Tagliate il salmone a fettine sottilissime, tutte dello stesso spessore.

Tritate grossolanamente il sale e metà del pepe in un mortaio e mescolateli con il timo.
In una ciotola preparate una citronnette emulsionando l'olio e il succo del limone; aggiungetevi anche il trito aromatico e mescolate con una forchetta.

Disponete in un piatto le fette di salmone e cospargetele con la salsa ottenuta, facendo in modo che siano tutte ben coperte. Ponete in frigorifero, coperto con una pellicola trasparente, a riposare per circa 3 ore.
Prima di portare in tavola aggiungete anche i grani interi di pepe verde, cospargete con un filo d'olio e servite, decorando il piatto con spicchi di limone.


Pappardelle all'agnello e carciofi

per 4 persone
350 gr di pappardelle
2 carciofi
3 etti di polpa d’agnello
una testa d’aglio, foglie di salvia,
rametti di rosmarino, un pizzico di mentuccia,
un limone,
un bicchiere di vino bianco,
2 mestoli di brodo,
olio extra vergine di oliva,
sale, pepe


Leghiamo insieme con dello spago da cucina i rametti di rosmarino e mettiamoli con metà dell’aglio, senza privarlo della buccia, in un tegame abbastanza largo, con olio sufficiente a fargli coprire il fondo. Una volta scaldato l’olio, mettiamo i pezzi d’agnello, e dopo una prima rosolata, aggiungiamo le foglie di salvia, il vino, il sale ed il pepe.

Mentre il vino si riduce, possiamo pulire i carciofi, tagliarli a piccoli spicchi ed immergerli in acqua e limone in un’insalatiera. Si spella quindi l’aglio rimasto e lo si mette con due cucchiaini d’olio extravergine in un tegame largo.

Al momento che avrà preso colore, lo togliamo e vi mettiamo i carciofi, lasciandoli stufare lentamente per circa otto minuti. Poi aggiungiamo la mentuccia e si prosegue fino a metà cottura...

A questo punto si spegne il fuoco e si mantiene caldo. Ovviamente, mentre stiamo preparando i carciofi, diamo un’occhiata anche all’agnello che sta cocendo, per evitare che si attacchi al tegame…e aggiungiamo un po’ di brodo, mentre il vino sta evaporando.

Circa dieci minuti prima della cottura della carne, aggiungiamo al ragù i carciofi. Cuociamo le pappardelle in abbondante acqua salata, saltiamole nella padella del sugo, e buon appetito.

Tacchino con castagne

per 4 persone
1 tacchino di circa 1,5 kg, già pulito e disossato
400 g di marroni
200 g di salsiccia fresca
olio extravergine d'oliva
1 rametto di rosmarino
timo
1 bicchiere e ½ di vino bianco
sale e pepe


Poniamo sul fuoco una pentola con abbondante acqua, che faremo andare ad ebollizione.
Si lavano le castagne e vi pratichiamo un'incisione sulla buccia, dalla parte convessa. Quando l'acqua sarà bollente, ci tuffiamo le castagne (pochine per volta) per una decina di minuti, quindi le sbucciamo e le spelliamo, avendo cura di eliminare bene anche la pellicina interna, che è molto tannica ed amara. Intanto saliamo e pepiamo, all'interno e all'esterno, il tacchino; si spella la salsiccia e la mescoliamo, in una terrina, a 2/3 delle castagne, insieme a un pizzico di sale e pepe; con questo composto si farcisce il tacchino, cucendo poi l'apertura per evitare che il ripieno fuoriesca. Scaldiamo il forno a 200°.

Cospargiamo d'olio il fondo di una teglia e vi disponiamo il tacchino, irrorandone anche la superficie con un filo d'olio. Uniamo il rosmarino e il timo e si inforna in forno caldo, lasciando cuocere a circa 200° per circa 1 ora. Si unisce quindi il vino e lasciamo cuocere ancora per 1 ora, abbassando leggermente la temperatura. A cottura ultimata, estraiamo il tacchino dal forno, raccogliamo il fondo di cottura in un pentolino, eliminando il rosmarino e il timo; uniamo le castagne rimaste e facciamo addensare, a fuoco basso, per circa 10'. Disponiamo quindi il tacchino sul piatto da portata, ci versiamo sopra la salsa alle castagne e serviamo in tavola.