Vacanze low cost in Toscana, prenota l'estate del 2018 con offerte last minute

Le migliori offerte in Toscana, nei periodi in cui vale la pena visitare la Toscana

La Toscana continua ad essere una delle regione più visitate d'Italia grazie alle innumerevoli offerte in Toscana presenti in tutte le province toscane


Tutte le offerte in Toscana presentano delle peculiarità grazie al territorio toscano, eterogenio e pieno di luoghi da scoprire.

Itinerario tra Firenze e Siena passando dalle meraviose colline.

L'itinerario corrisponde attualmente alla strada statale 222 Chiantigiana che congiunge Firenze e Siena, con brevi specifiche deviazioni per i due importanti centri storici di Impruneta e Radda in Chianti. La strada – dopo l'area di recente urbanizzazione della periferia sudorientale fiorentina con le addizioni di Bagno a Ripoli e delle sue frazioni – si snoda, passando per i Comuni di Greve, Radda, Gaiole, Castellina e Castelnuovo Berardenga, attraverso la campagna toscana più celebre al mondo, il Chianti, che da circa due secoli costituisce una delle regioni vitivinicole più importanti d'Italia: infatti, iniziata la coltivazione dei vitigni del Chianti ‘moderno’ (uve sangiovese, trebbiano, malvasia e canaiolo) in età lorenese, a cavaliere fra XVIII e XIX secolo (sfruttando tra l’altro il ‘recente’ meccanismo produttivo della mezzadria), fin dagli anni venti del XX secolo fu legalizzata come area di produzione del Consorzio Chianti Classico/Gallo Nero.

Lo sviluppo dei vigneti specializzati – che hanno spesso carattere di monocoltura rispetto all'olivo e ad altre produzioni (ma il bosco svolge quasi ovunque, oggi come nel passato, un ruolo maggioritario in termini di superficie investita) – si è verificato tra gli anni sessanta e settanta del XX secolo, nell'ambito di una radicale riconversione aziendale successiva alla disgregazione del plurisecolare sistema della mezzadria poderale che, in larga misura, era incardinato sulle fattorie di proprietà cittadina senese e soprattutto fiorentina.
Oggi, molte aziende medie e alcune grandi a conduzione capitalistica e innumerevoli aziende piccole a conduzione diretto-coltivatrice hanno trovato nella vinicoltura di qualità, che si lega inscindibilmente ai valori del bel paesaggio chiantigiano.
Per gli amanti della natura consigliamo la visita del Lago Scaffaiolo:
Dal piccolo villaggio di Doganaccia (1547 m), antica dogana del Granducato di Toscana posta al confine con il Ducato di Modena, si segue in salita il sentiero segnato n. 6 CAI/M.P.T. (Montagna Pistoiese Trekking) che porta in circa 50 minuti al Passo della Croce Arcana (1675 m) ove è presente il monumento ai Caduti della Grande Guerra. In alternativa al sentiero è possibile seguire la strada carrareccia che collega il versante pistoiese con quello modenese.
Dal passo si segue il segnavia 00 CAI - GEA che, aggirando il Monte Spigolino (1827 m), porta al Passo della Calanca (1737m), si prosegue sul sentiero 00 CAI - GEA tralasciando i sentieri che scendono verso sinistra (versante modenese) e in breve tempo raggiungiamo il Lago Scaffaiolo (1790 m).
In prossimità del Lago Scaffaiolo sorge il Rifugio CAI "Duca degli Abruzzi".
Tornati al Passo della Calanca sullo stesso sentiero 00 CAI - GEA si scende a sinistra imboccando il sentiero con segnavia n. 66 CAI che, passando sotto il Monte Spigolino ci riporta al poggio della Doganaccia.