Itinerario Siena: città Medievale e non solo.

Vacanze a Siena alla scoperta dei luoghi da visitare.


Siena medievale di piazza del Campo, del Palazzo Pubblico, del la Torre del Mangia e del Duomo; la città dei capolavori di Martini, Lorenzetti e Boninsegna, con le sue belle chiese e le antiche Basiliche. E poi i palazzi nobiliari Tolomei, Piccolomini e Salimbeni, i ristoranti e i negozi della migliore tradizione enogastronomica senese.

Siena è anche:
La città universitaria, delle vie eleganti del passeggio e dello shopping esclusivo. I luoghi dell'arte come il Museo d'Arte Contemporanea, e delle scienze come l'Accademia dei Fisiocritici e l'Orto botanico. Poi la Siena vivace dei locali e del Palio con i Musei delle Contrade, delle specialità gastronomiche, ricciarelli, panforte e vin santo, e delle magnifiche vedute dalle sue Basiliche.

Il Palazzo pubblico di Siena, dove si ammira, su una parete della Sala del mappamondo, subito al di sotto del celebre Guidoriccio da Fogliano di Simone Martini, la scena con la Consegna del castello di Giuncarico, riferita allo stesso Duccio da Luciano Bellosi. È questa una delle ultime opere del maestro che ci siano pervenute, databile attorno al 1314 e dunque posteriore alla Maestà del duomo.

Da Segnalare a Siena:
Dalla collegiata di Santa Maria Assunta a Casole d'Elsa proviene la grandiosa Madonna in maestà con angeli e santi, oggi staccata e conservata nel locale museo. Era dipinta nella cappella funebre della potente famiglia Aringhieri, i due maggiori membri della quale, Beltramo, detto il Porrina, e Ranieri, vescovo di Cremona, sono raffigurati nella scena, in piccole dimensioni, in atto di adorare la Vergine.
Proprio le date di morte dei due Aringhieri (ante 1309 il Porrina, nel 1312 Ranieri) consentono di ancorare ad una data molto precoce questo importante affresco, il cui autore, anonimo, è detto appunto "Maestro della Maestà Aringhieri".
Alla committenza degli Aringhieri si deve anche un grande capolavoro della scultura gotica italiana, pure custodito nella collegiata di Casole: il portentoso monumento funebre del Porrina, dominato dal ritratto a figura intera del defunto, opera di una delle maggiori personalità della scultura italiana della prima metà del Trecento, Marco Romano.

Vacanze low cost in Toscana, prenotare l'estate 2016 con offerte last minute