Siena e anche Natura, Sole e tradizioni.

Siena e natura binomio inscindibile


Un itinerario in Terra di Siena, che pur privilegi gli aspetti naturalistici, difficilmente potrà offrire solo avvistamenti di animali e osservazioni di piante e fiori in contesti paesaggistici straordinari. Questa terra è troppo segnata dalla storia e ricca d'arte perché la maggior parte dei nostri percorsi non offrano anche visite a piccoli borghi, abbazie, castelli, antiche mura, strade e ponti.

La storia di questa terra e della sua gente si legge ovunque: dagli insediamenti preistorici delle grotte di Belverde, alle zone etrusche di Chiusi e Murlo, al borgo alto-medievale di Poggiobonizio, fino al modioevo dello splendore che ha disseminato la terra di Siena di opere d'arte.

Le grandi Abbazie come San Galgano, Sant'Antimo e Monte Oliveto, dalle origini legate a personaggi strani le cui vicende si sono arricchite grazie alle leggende popolari padrone, un tempo, di terre e genti che dell'economia dell'Abbazia vivevano; ma anche la meno conosciuta abbazia di Santa Mustiola con il bellissimo chiostro che evoca l'oriente e testimonia dell'ispirazione universale da cui, al di là di un diversificarsi che acuisce la curiosità della conoscenza, nascono tutte le civiltà, tutte le religioni, tutte le culture, dovunque e per sempre.

Monteriggioni e la sua cerchia muraria che ispirò a Dante l'immagine dei giganti e che, quando tutte le torri erano in piedi, doveva incutere davvero timore a chi si trovasse a passarvi sotto.

E, quasi ovunque, dalla Val d'Orcia a San Gimignano, tratti di quella via Francigena che fu percorsa da pellegrini, mercanti, soldati, cavalieri e fece la fortuna dei paesi che attraversava, che crebbero grazie alle soste dei viaggiatori.

Vacanze low cost in Toscana, prenotare l'estate 2016 con offerte last minute